Cenni Storici

 

Montecatini vanta secoli di storia. E' costituita da un connubio di antico e recente, identificabili rispettivamente con Montecatini Alto, sede dell'antico castello, vero centro storico, e con la zona dei bagni termali.

La storia di Montecatini Terme è per molti secoli quella di Montecatini Alto, il cui primo ricordo risale ad una lite tra Vescovi per il possesso di due chiese, contesa talmente accesa da far intervenire nel 716 il re Liutprando ed il vescovo di Firenze Spezioso. Nel 1164 una compatta comunità si organizza muovendo guerra ai ghibellini del vicino castello di Marliana, distruggendolo. Dopo questo primo successo i Montecatinesi resistettero anche ai Lucchesi, cedendo poi la loro roccaforte strategica.

Nel 1300 Montecatini Alto aveva una fisionomia imponente, oltre 1000 metri di mura, 7 porte e ben 25 torri. Per la sua posizione fu al centro di una delle battaglie più sanguinose e fratricide della storia medievale. Avendo accolto i guelfi fuggiti da Lucca, venne assediata dai Ghibellini. In soccorso degli assediati venne un esercito fiorentino comandato dai reali di Napoli.

La battaglia fu tremenda e rivelò il genio militare di Castruccio Castracani, capitano dei Ghibellini, che riuscì, benché ferito, a giungere per primo sulla rocca il 31 agosto 1315, mentre poco lontano Dante Alighieri meditava sull'immane carneficina (da tale leggenda deriva il nome dell'omonimo ponte).

Montecatini ebbe in sorte altre vicende ed altri assedi fin quando Cosimo dei Medici nel 1554, con lo spirito Machiavellico di chi intende distruggere i luoghi dove la gente vuole vivere con leggi proprie, la rase al suolo smantellandone le mura e bruciando tutto ciò che ne poteva ricordare le tradizioni.

Poi nel 1773 inizia quella che viene definita la seconda fase della storia locale di Montecatini Terme, che sarà segnata dalle grandi riforme del Granduca Leopoldo, al quale si deve la bonifica del Padule di Fucecchio e il sorgere della moderna Montecatini termale.